Studio Amministrazioni Condominiali di Francesco Ventura
16-11-2021
Sconto fattura e cessione, comunicazioni per tutti i bonus edilizi
È nuovamente disponibile il canale telematico dellAgenzia delle entrate per linvio delle comunicazioni delle opzioni di cessione o sconto in fattura relative ai bonus edilizi. Con laggiornamento del software di compilazione e di quello di controllo, in ottemperanza alle modifiche recate dal provvedimento n. 312528 di venerdì 12 novembre, viene rimosso il blocco alle trasmissioni attivato nello stesso giorno. Ciò che manca, tuttavia, sono i chiarimenti sulla decorrenza e su come gestire le situazioni in corso. Attualmente le istruzioni avvertono che, per tutti gli interventi di cui si intende comunicare lopzione, è necessario richiedere il visto di conformità con riferimento alla documentazione attestante la sussistenza dei presupposti di base per la detrazione. Inoltre, mentre in passato linvio del modello di opzione per gli interventi unifamiliari avveniva (al di fuori del superbonus) a cura del beneficiario (anche tramite intermediario), ora lunico soggetto abilitato alla trasmissione è chi rilascia il visto di conformità, anche per le quote residue non utilizzate in dichiarazione. Nei condomìni cè sempre lalternativa dellinvio tramite amministratore (o condomino incaricato per i condomìni minimi), ma anche per i bonus minori (analogamente a quanto accadeva già per il superbonus) in questa ipotesi chi, dal 12 novembre scorso, rilascia il visto deve validare i dati comunicati accedendo allarea riservata del sito internet dellAgenzia. Altrimenti, pur nel silenzio delle istruzioni, lopzione non sarà efficace. Le sezioni del modello dedicate alle asseverazioni efficienza energetica e rischio sismico vanno compilate, sempre a cura di chi rilascia il visto, solo in caso di superbonus. Il Provvedimento del 12 novembre non contiene riferimenti specifici allaltra novità introdotta dal Dl 157/2021 Antifrode, vale a dire lestensione dellobbligo dellasseverazione di congruità delle spese sostenute anche alle opzioni della cessione del credito o dello sconto in fattura per i bonus diversi dal 110%. Tutto questo non aiuta chi ha già concordato lo sconto con il fornitore (magari con fattura già emessa) o la cessione con lintermediario finanziario (magari con trasferimento del credito già sottoscritto dalle parti) e deve solo inviare la comunicazione. Stando al contenuto del modello, questi contribuenti dovrebbero munirsi del visto ma non dellattestazione tecnica di congruità, che potrebbe riguardare solo le spese sostenute successivamente al 12 novembre. È, tuttavia, possibile una lettura più restrittiva, nel senso che lapposizione del visto implica già in quanto obbligo in vigore la presenza dellasseverazione di congruità delle spese. Per cui, di fatto, entrambi gli obblighi sarebbero già operativi da venerdì scorso anche per spese sostenute nei mesi scorsi, al limite su lavori già terminati. Poiché ogni intervento professionale ha un costo per il contribuente, è presumibile che linvio delle comunicazioni riprenderà solo quando sarà chiaro di quali attestazioni deve munirsi chi opta per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, anche a tutela di chi concede lo sconto o acquisisce il credito. Relativamente al compenso dovuto ai professionisti per il visto e per lattestazione di congruità su lavori già svolti va rilevato che il contribuente potrebbe aver già raggiunto i plafond di spesa e trovarsi, quindi, con un costo del tutto inatteso privo di qualunque beneficio fiscale. Inoltre la disposizione che precisa che anche questi compensi fanno parte dellammontare detraibile (articolo 119, comma 15, del Dl 34/2020) letteralmente si applica solo al superbonus, per cui una lettura restrittiva (non condivisibile) porterebbe ad una indetraibilità per tutti gli altri bonus anche con plafond di spesa capienti.