Studio Amministrazioni Condominiali di Francesco Ventura
22-10-2022
Il diritto condominiale nella pratica: il calcolo dei cinque giorni per la convocazione dellassemblea
La Cassazione ha da ultimo sciolto i dubbi relativi al computo
Anche se costituisce un aspetto, per cosý dire, di ordinaria amministrazione, perfino il computo dei cinque giorni previsto dallarticolo 66 delle disposizioni di attuazione del Codice civile si mostra come una fonte di dubbi. In effetti le norme giuridiche individuano vari casi in cui il giorno iniziale e/o quello finale non si devono considerare nel computo dei termini. La normativa in vigore Riguardo allinvio dellavviso di convocazione ai cond˛mini larticolo 66 delle disposizioni di attuazione del Codice civile, nel testo vigente, stabilisce che lavviso che deve contenere la specifica indicazione dellordine del giorno e lindicazione del luogo e dellora della riunione deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per ladunanza in prima convocazione, aggiungendo inoltre che la trasmissione deve avvenire mediante specifiche modalitÓ (posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano). La disposizione precisa pure che in caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare Ŕ annullabile (e non nulla) mediante limpugnazione prevista dallarticolo 1137 del Codice civile, a seguito di azione giudiziaria promossa dai dissenzienti o dagli assenti che non siano stati ritualmente convocati (e non anche degli altri condomini presenti o comunque regolarmente convocati). E quella precedente la riforma Il testo precedente alla riforma del 2012 si limitava invece a stabilire che l′avviso di convocazione deve essere comunicato ai cond˛mini almeno cinque giorni prima della data fissata per l′adunanza (adunanza che si intendeva pacificamente come quella prevista per la prima convocazione).Come deve essere effettuato il computo dei cinque giorni richiesti da una disposizione che non prevede specificazioni particolari? La risposta Ŕ che il computo va fatto in base al senso letterale della norma. Il chiarimento della Suprema corte A conferma di questo si pu˛ richiamare da ultima Cassazione ordinanza 30 giugno 2021, n. 18635, secondo cui (con riferimento ad un avviso di convocazione considerato tempestivo, perchÚ ricevuto il 29 marzo in relazione ad una assemblea condominiale convocata, in prima adunanza, in data 3 aprile) ha deciso che nel calcolo del termine di almeno cinque giorni prima per la comunicazione ai cond˛mini dellavviso di convocazione dellassemblea che Ŕ un atto recettizio, nel senso che deve essere non solo inviato, ma anche ricevuto nel termine stabilito, di cui il condominio deve provare la tempestivitÓ rispetto alla riunione fissata per la prima convocazione - non si deve conteggiare il dies ad quem (che Ŕ quello di svolgimento dellassemblea), che assume il valore di capo o punto fermo iniziale, mentre va incluso il dies a quo (che coincide con la data di ricevimento dellavviso), quale capo o punto fermo finale, in applicazione della regola generale fissata negli articoli 155, comma 1, del Codice di procedura civile e 2963 del Codice civile. La Suprema corte ha infatti precisato che i giorni a cui fa riferimento larticolo 66 sono giorni non liberi e da calcolare a ritroso dal momento che i termini cosiddetti liberi (vale a dire quelli che escludono dal computo sia il giorno iniziale che il giorno finale) sono limitati ai soli casi espressamente previsti dalla legge.